Progetto Viola: un nuovo stadio per Firenze

Inauguriamo questa nuova sezione, “Grandi Progetti”, e riprendiamo i consueti aggiornamenti dopo la lunghissima pausa estiva, con una soprendente notizia degli ultimi giorni.

“Un progetto completo per creare un’area dove sport, commercio, vita sociale e cultura convivano, con un occhio di riguardo per i più giovani; un’idea per cercare di far restare Firenze e la Fiorentina al vertice del calcio italiano e in quello europeo, pur senza gli introiti televisivi delle ‘grandi’ del calcio”.

Diego Della Valle, presidente Fiorentina.

La sala della Gherardesca dell’hotel Four Season è il luogo prescelto per la conferenza stampa del patron del Fiorentina, affiancato dal fratello e dai più stretti collaboratori, per annunciare al mondo sportivo, imprenditoriale e alla popolazione di Firenze il progetto di un nuovo Stadio per la città e la sua squadra.

Previsto su un area di 70/90 ettari – ancora da definire – il progetto, dell’architetto di fama internazionale, Massimiliano Fuksas, prevede uno stadio dalle forme leggere e armoniose della capacità di circa 50.000 spettatori e una “Downtown” dove sorgeranno un centro commerciale, ampie zone verdi e un museo. Il tutto nella forma di un parco tematico, una sorta Eurodisney della Fiorentina e del calcio, come l’ha chiamata l’A.S. Sandro Menecucci.
I dirigenti della società toscana attendono adesso una risposta dalle istituzioni locali e dal mondo imprenditoriale per avere un’appoggio nella loro idea. Tra l’entusiasmo e i dubbi dei cittadini, quello dei Della Valle, rappresenta un progetto che potrebbe rappresentare l’inizio di un era di grandi opere in un Italia priva ormai da troppo tempo di grandi costruzioni moderne.

Di seguito un breve video riassuntivo del progetto.

Se volete approfondire, segue un’interessante intervista, estratta da la Repubblica, al patron della squadra viola.

Chi si arricchirà con questo progetto?
«Non vogliamo mettere in tasca un euro, sia chiaro. E alla politica chiediamo solo di aiutarci a trovare lo spazio adatto e, eventualmente, a concedere, nei limiti del possibile, permessi e licenze in tempi rapidi, tutto il resto ce lo accolliamo noi. La gestione del complesso sarà affidata alla Fondazione viola, che utilizzerà i guadagni per la squadra, mentre parte dei ricavi andrà a progetti per il sociale, in particolare a favore di bambini e anziani. Ovviamente ne parleremo col sindaco di volta in volta».
È Fuksas a firmare il progetto?
«Non siamo stai noi a diffondere il nome dell´architetto però è vero che il suo studio ha preparato questo studio di massima e il plastico che vi stiamo mostrando. Massimiliano Fuksas è bravo e a me piace molto il suo stile. Non credo che sia necessario andare a cercare un nome straniero quando abbiamo dei professionisti capaci in casa. E poi io sono un convinto sponsor del made in Italy».
Quando il progetto definitivo? E quando lo stadio?
«In un mese, al massimo un mese e mezzo avremo il modello di business e un progetto più definito. Poi, una volta ottenute tutte le autorizzazioni, serviranno circa tre anni per realizzare tutto (in una dichiarazione apparsa ieri sul sito internet metronews.it Fuksas però parla di tempi più lunghi, 7-8 anni, ndr). Non ho invece ancora fatto una stima dei costi, ovviamente sarà un investimento corposo di cui si occuperà una grande banca d´affari. Ci saranno poi la mia famiglia e tutti gli imprenditori che vorranno aderire al project financing».
Difficile a Firenze trovare un´area edificabile con le dimensioni da lei indicate. Accetterebbe l´ipotesi di realizzare il progetto anche fuori dalla città?
«Noi vorremmo stare a Firenze, in un posto comodo, che non stravolga la vita della gente che abita nei dintorni e faccia guardare a tutti con grande simpatia la nostra realizzazione. Penso a un luogo facilmente raggiungibile, dove una famiglia possa trascorrere l´intera giornata, portando i bambini nel parco tematico, facendo shopping, andando a mangiare al ristorante e poi, perché no, allo stadio a vedere la partita della propria squadra del cuore. Mio fratello Andrea mi racconta che molti stadi europei funzionano così e mi piacerebbe che anche Firenze avesse un luogo simile da offrire ai tanti visitatori che da tutto il mondo corrono a vedere i suoi tesori. Per lavoro sono spessissimo all´estero e posso assicurarvi che non c´è posto in cui Firenze non sia conosciuta. Noi vogliamo dare una mano a una delle più belle signore del mondo che ha bisogno di portare su di sé i segni della modernità e della contemporaneità, oltre che gloriarsi del suo passato. Firenze farebbe un salto di qualità vero, questo progetto è la cosa più importante che sarebbe realizzata in Italia insieme al ponte di Messina, se mai lo faranno».
E la squadra viola che vantaggi avrebbe da tutto questo?
«La squadra è un´altra cosa, per me e mio fratello la Fiorentina ha quasi un valore sacrale. Momentaneamente appartiene alla mia famiglia ma resta una realtà autonoma dalla Fondazione. E anche dai colori della politica, perché il colore della Fiorentina è il viola e quello resta. Io neppure sono interessato a fare politica, tanto meno a Firenze. Insomma, questo progetto ha l´obiettivo di portare la squadra a competere con la grandi d´Europa. Noi non abbiamo gli introiti che altri club hanno grazie ai diritti televisivi, quindi dobbiamo trovare fonti di finanziamento diverse. Si tratta di un progetto importante, impegnativo, che sarà realizzabile solo se vi sarà l´aiuto da parte di tutta la città».
L´area di Castello sembra l´unica disponibile, ne ha parlato con Ligresti?
«Ci vediamo spesso, certo che ne abbiamo parlato. So però che su quell´area ci sono previsioni urbanistiche precise e io non so se lui abbia voglia o interesse a smontare tutto».
E se i politici fiorentini le dicessero di no?
«Se il mondo politico boccia quest´idea ne prenderemo atto, noi ed i tifosi fiorentini, e non faremo niente. Significherebbe che al mondo politico questa proposta non interessa. Aspetto comunque una risposta. Subito o quasi subito».

Trovate ques’articoloanche nella nuova versione di Nextlife. Date un’occhiata…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Grandi Progetti, italia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Progetto Viola: un nuovo stadio per Firenze

  1. Pingback: Presentato l’Hotel Boca Juniors « nextlife

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...