Pietro Ricca vs. Emilio Fede: querela e blog sequestrato

Condividere questa notizia è importante per ogni blogger per il quale la libertà di espressione costituisce un valore fondamentale, principio di civiltà.

SITO BLOCCATO DALLA FINANZA
Sono Piero Ricca.
CARI AMICI, NON POSSO AGGIORNARE IL BLOG. Mi è stato chiuso con atto della procura di Roma, un “sequestro preventivo” notificatomi alle 14,00 di oggi da due agenti della guardia di finanza del “nucleo speciale contro le frodi telematiche”, venuti da Roma. Il sequestro proviene da una querela per diffamazione presentata da Emilio Fede nei miei confronti per la famosa contestazione al circolo della stampa. Con il medesimo provedimento hanno cancellato un mio post relativo alla vicenda Fede e i commenti in calce. Non hanno potuto, per motivi tecnici, togliere il video da youtube.
Naturalmente farò immediata richiesta di dissequestro. Intanto posso solo scrivere queste righe in questa sede. Fra poco manderò un comunicato ai siti amici, e vi chiedo fin d’ora di farlo girare.
Con Fede ce la vedremo in tribunale, magari davanti a uno dei magistrati diffamati e spiati negli anni del governo del suo datore di lavoro.
E continueremo a criticare lui e i suoi simili sulla pubblica piazza, in nuove manifestazioni di dissenso.
Nessuno riuscirà a sequestrare la libertà di espressione, mia e degli amici di Qui Milano Libera e del blog: questo è certo.
Grazie a tutti.” A presto, Piero.

Questo il messaggio apparso qualche giorno fa sul blog di Pietro Ricca (www.pietroricca.org), da anni “…impegnato politicamente, in modo trasparente e nonviolento, in mezzo ai movimenti della società civile, per difendere la mia idea di Democrazia Costituzionale…”, dopo il sequestro da parte della Guardia di Finanza, in seguito alle accuse per diffamazione da parte di Emilio Fede, noto giornalista (?) mediaset.

In seguito alla querela diversi post presenti nel blog di Ricca sono stati cancellati e molti video di YouTube cancellati dalla GdF.

Ricca era già noto per alcuni episodi come quello riguardante la vicenda del “buffone” a Silvio Berlusconi e conseguente querela (episodio conclusosi con un’assoluzione) e quello riguardante ancora lo stesso Fede, dove quest’ultimo non proprio elegantemente gli ha sputato addosso. Qui di seguito il video dell’accaduto:

Anche il solito Beppe Grillo ne ha parlato nel suo blog con un interessante articolo. Di Grillo ricordiamo anche la sua iniziativa Vaffa-Day, prevista per l’8 settembre, che si pone come obiettivo un parlamento italiano pulito. Per iscrivervi cliccate qui.

Concludo con una frase erroneamente attribuita a Voltaire, che tuttavia rappresenta una magnifica espressione di libertà:

«Non condivido la tua opinione, ma sono pronto a dare la mia vita perché tu possa esprimerla.»

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in attualità, blog connected, internet, media, petizioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...